OsteoporosiRimedi

Cos’è l’osteoporosi? Sintomi, trattamento, consigli medici

L’osteoporosi (perdita di densità ossea) è una malattia metabolica dello scheletro in cui le ossa perdono forza, diventano porose. La malattia causa fratture ossee, in particolare nell’avambraccio, nel collo del femore (anca) o nella spina dorsale.

Le ossa sembrano essere strutture rigide e solide che non cambiano quasi per niente. In realtà, quando il corpo è sano, c’è un’attività costante, sempre in equilibrio tra la degradazione e la produzione di sostanza ossea. Ma se viene demolita più sostanza ossea di quanta ne venga prodotta, il risultato è una perdita netta: è così che inizia l’osteoporosi.

Le ossa perdono forza e sono più inclini a rompersi. I corpi vertebrali colpiti si rompono, provocando deformazioni permanenti come le tipiche “gobbe del vecchio”, una forma di cifosi dovuta esclusivamente all’atrofia ossea. Un forte dolore alla spina dorsale o allo sterno può essere un segnale d’allarme di atrofia ossea, può indicare che una o più vertebre sono già fratturate.

L’osteoporosi può essere trattata

L’osteoporosi viene diagnosticata principalmente nelle donne – dopo la menopausa – e anche spesso in persone che sono state trattate con cortisone per molti anni. Costa l’osteoporosi al nostro sistema sanitario pubblico diversi miliardi di sterline, una cifra importante. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha elencato l’osteoporosi come una delle dieci malattie più importanti del mondo nel nostro tempo.

Ma nonostante le cifre sconcertanti, l’osteoporosi può essere trattata, per esempio con tutori per la schiena. Questi raddrizzano la colonna vertebrale e possono essere facilmente integrati nella vita quotidiana, restituendo ai pazienti parte della loro qualità di vita.

osteoporosi luca serra neurochirurgo

Le cellule fanno un lavoro duro

Le ossa ci appaiono come una sostanza rigida e ferma che non cambia quasi per niente dopo la fase di crescita. Ma l’apparenza è ingannevole. In realtà, la sostanza ossea è costantemente fatta e scomposta nel nostro corpo. Le cellule ossee sono costantemente al lavoro per sostituire la sostanza consumata con nuovo osso. Ormoni, vitamine e altre sostanze messaggere nel corpo controllano questi “programmi di riabilitazione”.

La formazione dell’osso predomina fino a circa 30 anni di età. Da allora in poi, perdiamo una piccola percentuale ogni anno. La mancanza dell’ormone sessuale nelle donne in menopausa accelera notevolmente questo crollo.

Segni e sintomi l’osteoporosi

Ci sono segni che aiutano a fare una diagnosi precoce. Questi includono la perdita di altezza con l’avanzare dell’età. A volte le ossa si fratturano anche senza una causa apparente. Questo può sembrare difficile da immaginare in un primo momento, ma alcuni pazienti soffrono di fratture alle costole semplicemente per la tosse. O anche piccole cadute possono causare una frattura dell’anca o del polso.

Un altro indicatore di osteoporosi è la cosiddetta “gobba della vedova” (schiena arrotondata). Quando si comincia a soffrire di dolori continui nella colonna lombare e dorsale, questo può essere un segno di osteoporosi. È quindi consigliabile consultare un medico in una fase iniziale per chiarire la situazione.

Fattori di rischio e cause l’osteoporosi

Osteoporosi primaria: Circa il 95% di tutti i casi di atrofia ossea sono dovuti all’osteoporosi primaria. L’osteoporosi di tipo I colpisce principalmente le donne dopo la menopausa. La prima frattura ossea si verifica da otto a dieci anni dopo l’ultimo periodo mestruale. Le più comunemente colpite sono le vertebre lombari. L’osteoporosi di tipo II di solito causa la prima frattura ossea dopo i 70 anni. Colpisce soprattutto le donne (due terzi).

Oltre a colpire le vertebre, colpisce anche le ossa lunghe della coscia e del braccio. I fattori di rischio per lo sviluppo dell’osteoporosi primaria sono la predisposizione familiare, lo stato ormonale (comparsa tardiva del primo periodo mestruale e comparsa precoce della menopausa) e certi stili di vita (poco esercizio fisico, riposo a letto prolungato, una dieta povera di calcio o ricca di fosfati – come fast food, bevande a base di cola e insaccati -, certe tossine alimentari – come alcol, caffè e sigarette – e basso peso).

Osteoporosi secondaria: l’osteoporosi secondaria è la conseguenza di alcune malattie o un effetto collaterale di alcuni farmaci. I fattori di rischio per l’osteoporosi secondaria sono i farmaci antinfiammatori per l’asma o i reumatismi (cortisone), alte dosi di ormoni tiroidei, derivati cumarinici (Marcumar), disturbi nutrizionali cronici come quelli pancreatici, intestinali, epatici o renali, alcuni disturbi ormonali come l’ipertiroidismo o il diabete mellito, e tumori maligni.

Cause РPerch̩ le ossa diventano fragili?

  • Osteoporosi primaria: circa il 95% di tutti i casi di atrofia ossea sono dovuti all’osteoporosi primaria. L’osteoporosi di tipo I colpisce principalmente le donne dopo la menopausa. La prima frattura ossea si verifica da otto a dieci anni dopo l’ultimo periodo mestruale. Le più comunemente colpite sono le vertebre lombari. L’osteoporosi di tipo II di solito causa la prima frattura ossea dopo i 70 anni. Colpisce soprattutto le donne (due terzi). Oltre alle vertebre, colpisce anche le ossa lunghe della coscia e del braccio. I fattori di rischio per lo sviluppo dell’osteoporosi primaria sono la predisposizione familiare, lo stato ormonale (comparsa tardiva del primo periodo mestruale e comparsa precoce della menopausa) e certi stili di vita (poco esercizio fisico, riposo a letto prolungato, una dieta povera di calcio o ricca di fosfati – come fast food, bevande a base di cola e insaccati -, certe tossine alimentari – come alcol, caffè e sigarette – e basso peso).
  • Osteoporosi secondaria: l’osteoporosi secondaria è la conseguenza di alcune malattie o un effetto collaterale di alcuni farmaci. I fattori di rischio per l’osteoporosi secondaria sono i farmaci antinfiammatori per l’asma o i reumatismi (cortisone), alte dosi di ormoni tiroidei, derivati della cumarina, disturbi alimentari cronici come quelli pancreatici, intestinali, epatici o renali, alcuni disturbi ormonali come l’ipertiroidismo o il diabete mellito, e tumori maligni.

Prevenire l’osteoporosi – attraverso l’esercizio e la nutrizione

La buona notizia è che ci sono misure preventive che anche i giovani dovrebbero seguire per contrastare il rischio di perdita ossea. La chiave è la dieta: mangiare o prendere almeno 1.000 milligrammi di calcio ogni giorno.

Sembra facile, ma quali alimenti contengono effettivamente calcio? Il minerale osseo si trova, tra l’altro, nei latticini e nel pesce. Il nostro corpo ha anche bisogno di vitamina D perché il calcio raggiunga le ossa. Il corpo sintetizza da solo questa vitamina se la pelle è esposta alla luce del sole. Ma la vitamina D può anche essere presa in forma di pillola.

Inoltre, l’esercizio fisico è importante. Un allenamento muscolare moderato è molto benefico per lo scheletro. E un altro consiglio: se sei forse già un malato di osteoporosi, sbarazzati di tutte le cose in cui potresti inciampare.

Come si può trattare l’osteoporosi?

Poiché un paziente su cinque subisce un’altra frattura ossea entro 12 mesi dalla prima, è importante iniziare subito il trattamento. Il trattamento dell’osteoporosi è molto ampio e segue una linea guida.

Richiede un approccio interdisciplinare, cioè la cooperazione tra diversi specialisti. Di norma, lo specialista delle ossa (osteologo) prescrive dei farmaci che prevengono la rottura delle ossa e rafforzano la formazione delle stesse. I chirurghi ortopedici e i neurochirurghi si occupano delle fratture e di ogni possibile intervento chirurgico. Come regola generale, si dovrebbe contattare uno specialista ortopedico o un osteologo per tutte le domande sul recupero.

come curare osteoporosi luca serra

Farmaci per aiutare il dolore l’osteoporosi

Farmaci che possono aiutarti con il tuo problema. Puoi scoprire qualcosa di più su di loro qui:

Name prodotto:Arthrolon™️Shark Motion™️
Vedi:gelcapsule
Valutazione:5⭐⭐⭐⭐⭐5⭐⭐⭐⭐⭐
Produttore:🇮🇹🇮🇹
Recensioni negative:NoNo

Che tu sia benedetto.Scegliere le medicine giuste e provate.

Trattamento farmacologico – Una componente chiave della terapia

I seguenti gruppi di farmaci sono usati nel trattamento dell’atrofia ossea:

  • Il calcio e la vitamina D sono la base del trattamento e della prevenzione. Il calcio è il componente principale della sostanza minerale ossea. La vitamina D promuove l’assorbimento del calcio dalla dieta e la sua incorporazione nelle ossa, e migliora la funzione muscolare.
  • I bifosfati inibiscono la funzione delle cellule responsabili della disgregazione ossea, rallentando e aumentando così la massa ossea, che a sua volta porta a una significativa riduzione del rischio di fratture vertebrali e degli arti.
  • Modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERMs): La causa più comune di osteoporosi nelle donne è la carenza di estrogeni dopo la menopausa. Quando mancano gli estrogeni, la distruzione della massa ossea comincia ad aumentare.
  • La calcitonina è un ormone prodotto dalla tiroide. Impedisce il rilascio di calcio e fosfati dalla massa ossea. Stimola anche un aumento della deposizione di entrambe le sostanze nelle ossa. Agisce in modo simile alla terapia ormonale con estrogeni, motivo per cui è spesso usato come sostituto quando la terapia con estrogeni non è indicata. Si usa anche negli uomini.
  • Analgesici: le fratture causano dolore. Le fratture vertebrali, che si verificano con particolare frequenza nell’osteoporosi, limitano la mobilità. Il primo passo è quindi quello di trattare il dolore con farmaci appropriati. Le ortesi per la schiena aiutano la terapia antalgica alleviando la pressione sulle vertebre colpite.
  • I fluoruri sono stati a lungo utilizzati nella terapia dell’osteoporosi. Si concentrano nella massa ossea e aumentano la sua densità, più intensamente nella spina dorsale che in altre ossa. Il trattamento al fluoro non dovrebbe durare più di tre anni.

Terapia del movimento – Esercizio fisico

Il movimento è una parte importante del trattamento dell’osteoporosi.

Quando una frattura vertebrale è già presente, la fisioterapia specifica e i trattamenti fisici programmati in collaborazione tra il fisioterapista e il medico sono molto utili per rafforzare i muscoli e ripristinare la mobilità il più presto possibile. Le medicine e un tutore per la schiena alleviano il dolore. Una volta che la frattura è guarita, la terapia del movimento deve essere continuata. In particolare, la forza dei muscoli della schiena deve essere allenata. Speciali ortesi per la schiena con bio-feedback sostengono la colonna vertebrale e promuovono lo sviluppo muscolare. Oltre agli esercizi con un fisioterapista, ci sono alcuni tipi di sport che sono particolarmente adatti ai pazienti con osteoporosi: escursioni o passeggiate, sci di fondo, nuoto o danza. L’allenamento all’aria aperta è molto efficace, perché oltre ad allenare i muscoli attraverso l’esercizio, stimola anche la formazione di vitamina D nella pelle.

Esercizi a casa l’osteoporosi

Prima di iniziare gli esercizi, parlate con il vostro medico e/o fisioterapista. Se gli esercizi causano dolore, fermatevi immediatamente e consultate il vostro medico.

  • Non fare movimenti improvvisi.
  • Eseguire tutti gli esercizi in modo fluido e scorrevole.
  • Durante questi, respira dolcemente e profondamente.
  • Ripetete il tutto da tre a cinque volte, a seconda del vostro livello di forma fisica.
  • Fateli periodicamente, da tre a quattro volte alla settimana.

Esercizi in piedi

Tieni le mani all’altezza del petto e premi i palmi delle mani più forte che puoi.

  • Stendi le braccia in alto e premi i palmi delle mani sopra la testa più forte che puoi.
  • Metti le mani all’altezza del petto.
  • Premi i polpastrelli di entrambe le mani saldamente insieme.
  • Metti un asciugamano dietro la testa e tienilo alle due estremità.
  • Tira l’asciugamano strettamente in avanti mentre spingi indietro con la testa.
  • Tenere l’asciugamano alle due estremità all’altezza della testa.
  • Tira forte cercando di separarli.
  • Sollevare una gamba e mettere l’asciugamano intorno al ginocchio.
  • Tirare entrambe le estremità verso l’alto con forza mentre si spinge verso il basso con il ginocchio.
  • Ripeti quattro o cinque volte e cambia gamba.

Fare cerchi sulle spalle

Fare dei cerchi sulle spalle: ripetere quattro o cinque volte ogni volta in avanti e indietro.

  • Alza le braccia e allunga il tronco verso l’alto mentre fai un respiro profondo.
  • Inclinate il busto verso il basso, lasciate pendere le braccia verso il basso ed espirate lentamente.
  • Metti le braccia piegate all’altezza del petto.
  • Aprite le braccia ed estendetele all’indietro.
  • Metti le mani sui fianchi. Inclinati da un lato e fai un rimbalzo.
  • Alterna l’inclinazione verso un lato o verso l’altro.
  • Metti il braccio sinistro sulla spalla destra e il braccio destro sulla spalla sinistra.
  • Premi entrambi i gomiti strettamente insieme e tieni premuto per alcuni secondi.
  • Cambiare le braccia.

Stare vicino a una porta

  • Mettete una mano su ogni lato del telaio. Premi le mani insieme strettamente e tieni premuto per qualche secondo.

Rafforzamento muscolare

L’allenamento con i pesi sviluppa i muscoli e quindi genera stimoli positivi per la costruzione della massa ossea. Inoltre, la postura è migliorata. Il tutore per la schiena Spinomed sostiene la schiena come una macchina da allenamento.

Il sistema di cinghie e il tutore dorsale esercitano forze di trazione sulle zone del bacino e delle spalle. Questo fa sì che gli utenti contraggano inconsciamente i loro muscoli per adottare una postura più eretta della parte superiore del corpo. Spinomed è raccomandato nelle linee guida del DVO (Organizzazione centrale tedesca di osteologia) per il trattamento dell’osteoporosi. Il rafforzamento muscolare coordina l’interazione tra i muscoli per movimenti più armoniosi. L’allenamento con i pesi illustra particolarmente chiaramente come diverse dosi di peso e ripetizioni di sollevamento portano a diversi risultati di allenamento:

1. Peso elevato – meno sollevamenti

Questa combinazione per superare il peso massimo esercita lo stimolo più efficace sulle ossa. È il più adatto per contrastare la perdita ossea accelerata.

2. Peso ridotto – molti sollevamenti

Sollevare un peso basso molte volte allena specificamente la resistenza. L’influenza positiva sulle attività quotidiane e sulla forma fisica generale diventerà presto evidente.

3. Pesi moderatamente pesanti

Un allenamento combinato di pesi moderatamente pesanti e sollevamenti rapidi ripetuti ottimizza le prestazioni muscolari, l’equilibrio e la coordinazione. L’effetto è un miglior senso dell’equilibrio per prevenire le cadute.

È tutta una questione di combinazione. Variare i diversi tipi di allenamento è ideale per migliorare tutte le forme di forza. Le ricompense sono più massa muscolare, una prognosi migliore per la qualità delle ossa, la forma fisica e più fiducia quando ci si muove. Scoprite il vostro tipo di esercizio e cosa vi piace di esso. Assicuratevi di consultare il vostro medico prima di iniziare l’allenamento.

Marco Satmari

Laureato in di Master di I Livello presso l'Istituto Ortopedico Rizzoli nel 2019. In seguito è stato impegnato nell'insegnamento e nella formazione degli studenti che vogliono entrare nella facoltà di medicina. Ora faccio pratica e dal 2020 pubblicherò articoli sui problemi dell'apparato muscoloscheletrico.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button