Artrosi

Osteoartrosi delle mani: trattamento e prevenzione

Uno dei punti più frequenti di osteoartrosi sono le articolazioni della mano e dei gomiti. La malattia è caratterizzata dalla distruzione del tessuto osseo, con conseguenti cambiamenti strutturali. La patologia nella maggior parte dei casi porta all’immobilizzazione completa delle mani.

Le ragioni

Il meccanismo dell’osteoartrosi delle mani si basa sulla mancata corrispondenza tra il carico sull’articolazione e la capacità di resistere. Questa è la condizione che porta ad essa:

  1. Lesioni – di solito si verificano sul posto di lavoro (impiegati, casalinghe, traslocatori) e attività sportive.
  2. Fattore congenito – disturbi genetici che contribuiscono alla propensione delle articolazioni a traumatizzare.
  3. Età 45-65 anni – il rischio di patologia aumenta in questa fascia di età a causa dei processi naturali di invecchiamento.
  4. Disturbi metabolici – portare ad uno squilibrio dei minerali nel corpo.
  5. Sesso femminile – dopo la menopausa si riduce la produzione di estrogeni (ormone sessuale femminile), che partecipa alla formazione delle cellule ossee.

Si distingue tra due forme di osteoartrosi delle mani: primaria e secondaria. Nella forma primaria, la malattia si sviluppa a causa della degenerazione tissutale legata all’età, nella secondaria – a seguito di lesioni o di alcune malattie (malattia della tiroide, diabete mellito).

Sintomi di osteoartrosi alle mani

La malattia tende a svilupparsi gradualmente senza alcuna manifestazione. Man mano che si sviluppa, i pazienti hanno questo quadro clinico:

  • Aspetto del dolore – nelle prime fasi, i pazienti notano sensazioni dolorose nelle articolazioni delle mani e dei gomiti, che aumentano con l’attività fisica delle mani.
  • Sintomi di infiammazione – i tessuti nelle aree colpite diventano gonfi, densi e rossi. C’è un aumento della temperatura locale.
  • Crisp – accompagna ogni movimento delle mani.
  • Rigidità del movimento – a causa del disturbo della mobilità articolare l’ampiezza del movimento diminuisce.

Con il progredire della patologia, l’articolazione si deforma e cambia. Spesso è possibile notare specifiche crescite ossee durante l’esame visivo:

  1. I noduli di Heberden nell’osteoartrosi delle mani sono piccole protuberanze arrotondate, simmetriche e dure al tatto. Tali noduli sono indolori, ma possono interferire con il movimento.
  2. I noduli di Bouchard – possono apparire su tutte le dita tranne il pollice, che si trova alla base delle falangi medie. Sono anche indolori.

diagnosi di osteoartrosi

Diagnostica

I seguenti test aiutano a rilevare i cambiamenti nel tessuto osseo:

  • esame ad ultrasuoni delle articolazioni delle mani;
  • esame radiologico in diverse proiezioni;
  • TAC e risonanza magnetica;
  • artroscopia.

Terapia per l’osteoartrosi delle mani

Il tessuto articolare distrutto non può essere completamente ripristinato. L’osteoartrosi della mano e dei gomiti può essere trattata solo sintomaticamente, il che permette di mantenere l’attività motoria e di rallentare più volte l’ulteriore sviluppo della patologia. A questo scopo vengono utilizzati metodi di terapia farmacologica e non farmacologica.

Trattamento farmacologico assistito

L’osteoartrosi delle mani e dei gomiti dovrebbe iniziare con i seguenti gruppi di farmaci:

  • I farmaci non steroidei (non ormonali) sono il principale mezzo per trattare i sintomi della malattia. Possedere effetti antinfiammatori e analgesici bloccando le prostaglandine – mediatori dell’infiammazione e del dolore nei tessuti. Tuttavia, è necessario tenere conto dello sviluppo abbastanza frequente di effetti collaterali (patologia del tratto gastrointestinale, sistema cardiovascolare, ecc.), soprattutto nelle persone anziane – il principale gruppo di pazienti per l’osteoartrosi.
  • Condroprotettori – farmaci in grado di ripristinare parzialmente la struttura del tessuto articolare ed eliminare i sintomi dolorosi (glucosamina e condroitina).
  • Preparati naturali – mezzi con componenti naturali per l’applicazione esterna nelle zone colpite. Affrontare bene l’infiammazione e il dolore a breve termine, promuovere la normalizzazione della circolazione sanguigna e del metabolismo nei tessuti. Non provoca reazioni avverse, migliora l’effetto della terapia generale e può essere utilizzato in combinazione con altri prodotti per un lungo periodo di tempo (ad esempio, crema Artoflex).

Terapia non deprecabile

Include metodi per migliorare i processi metabolici nei tessuti e ripristinare la mobilità articolare. Questi includono:

  • Fisioterapia – elettroforesi con agenti terapeutici, massaggi, laserterapia, ultrasuoni, magnetoterapia, crioterapia e agopuntura.
  • Dieta terapeutica – una dieta equilibrata con basso contenuto di sale, zucchero e alcol contribuirà a rallentare il processo patologico. Nell’osteoartrosi è necessario aumentare il consumo di prodotti ad alto contenuto di collagene, calcio e altri oligoelementi (frutti di mare, verdure, frutti di bosco, bacche e verdure).
  • Integratori alimentari – preparazioni particolarmente utili di calcio, vitamina D e complessi con l’aggiunta di acidi grassi polinsaturi Omega-3-6-9.

dieta osteoartrosi

Prevenzione dell’osteoartrosi delle mani

Per prevenire l’osteoporosi della mano, devono essere seguite semplici regole:

  • Moderata attività fisica – per il normale funzionamento delle articolazioni delle mani sono controindicati l’uso di pesi e il lungo lavoro monotono senza interruzioni.
  • Dormire sano – durante il sonno nel corpo ci sono processi naturali di rinnovamento dei tessuti articolari.
  • Nutrizione equilibrata – una dieta contenente tutte le vitamine, i minerali, gli oligoelementi e gli amminoacidi necessari fornisce materiale per la costruzione del tessuto osseo.
  • Evitare il freddo – le articolazioni reagiscono negativamente alle basse temperature, quindi evitare l’ipotermia e indossare guanti caldi durante le stagioni fredde.

È importante rispondere a qualsiasi cambiamento della funzione articolare per iniziare il trattamento in tempo.

Marco Satmari

Laureato in di Master di I Livello presso l'Istituto Ortopedico Rizzoli nel 2019. In seguito è stato impegnato nell'insegnamento e nella formazione degli studenti che vogliono entrare nella facoltà di medicina. Ora faccio pratica e dal 2020 pubblicherò articoli sui problemi dell'apparato muscoloscheletrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button